Formula 1: Gp Brasile – Interlagos: Raikkonen c’ riuscito!

Incredibile: la Fia ha aperto un’inchiesta sul carburante usato dalle due Bmw guidate da Robert Kubica e Nick Heidfeld, giunti rispettivamente al quinto e sesto posto nel Gp del Brasile, e sulla Williams di Nico Rosberg. L’inchiesta, quindi, rinvia di fatto l’ufficializzazione dei risultati del Gp

Il Mondiale di F1 non ancora finito. La Fia, ha infatti aperto un’inchiesta sul carburante usato dalla Williams di Nico Rosberg, giunto quarto al traguardo del Gp del Brasile, e delle due Bmw guidate da Robert Kubica e Nick Heidfeld, rispettivamente quinto e sesto.

I commissari della Fia stanno, infatti, indagando sulla temperatura del carburante di queste vetture, che viene monitorata da alcuni sensori sulle monoposto. Questo incredibile notizia, di fatto, mette in dubbio l’assegnazione del titolo Mondiale conquistato da Raikkonen. La Federazione mondiale si limitata a comunicare che “un rappresentante delle due scuderie atteso dai commissari di gara”, ma in caso di penalizzazione a Kubica, Heidfeld e Rosberg la classifica della gara potrebbe essere sconvolta, fino all’assegnazione del titolo Mondiale ad Hamilton.

Possibilit che non viene esclusa nemmeno da Luca Baldisseri, responsabile Ferrari delle operazioni in pista: “C’ un regolamento, e va rispettato: se lo rispettano alla lettera, esiste il rischio di squalifica. Oggi prima dell’inizio della gara successo qualcosa di strano. Nell’ultima ora la temperatura ambiente si alzata all’improvviso da 30 a 35 gradi. Noi abbiamo rincorso il sensore per stabilizzare la temperatura della benzina sulla soglia dei 10 gradi sotto la temperatura; loro probabilmente hanno avuto problemi con il sensore. Questo pu compromettere la vittoria finale della Ferrari? Il risultato sportivo assolutamente no – ha spiegato Baldisserri – Il risultato politico, non lo so. C’ un regolamento, e va rispettato. Se viene applicato alla lettera, esiste un rischio di squalifica. Ieri per esempio Hamilton non lo ha rispettato, e non c’ stata un’applicazione letterale”.

Il team Ferrari intanto all’interno del box del circuito di Interlagos, presente anche Jean Todt, per sapere della decisione finale della Fia. “Aspettiamo” – fanno sapere dal Cavallino. I piloti, invece, erano gi andati via prima che la notizia venisse resa pubblica. Al momento, non chiaro se l’indagine sia un’iniziativa autonoma della Fia o nasca da un ricorso di altri team.

6 risposte su “Formula 1: Gp Brasile – Interlagos: Raikkonen c’ riuscito!”

SEMPRE FORZA FERRARI!CORAGGIO FERNANDO,SENTO CHE QUEST’ANNO C’È PROFUMO DI 2007 CON RAIKKONEN…LE RED BULL SONO VELOCISSIME MA TENDENTI AL SUICIDIO MENTRE PER QUANTO RIGUARDA QUEL COGLIONE DI HAMILTON SI DEVE METTERE L’ANIMO IN PACE E ROSICARE ANCHE STAVOLTA PER UN ALTRO GRANDE TRIONFO DEL CAVALLINO!PECCATO SOLO PER IL MONDIALE COSTRUTTORI ORMAI COMPROMESSO(PER VIA DEGLI SCARSI RISULTATI DI MASSA)…VABBÈ COMUNQUE ALMENO PER IL TITOLO PILOTI IO CI CREDO!

e stata un vittoria bellissima io mi so messo a piangere eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee w ferrari

La FIA ha ufficializzato il risultato ma la McLaren ha fatto ricorso, speriamo non vada troppo per le lunghe anche se si espresso addirittura Hamilton in proposito riconoscendo la vittoria alla Ferrari e Raikkonen dicendo che le gare vanno vinte in pista e non in tribunale;)

Proprio una vittoria meritata, ma molto sofferta. Complimenti a tutta la squadra Ferrari, un duro lavoro senza sosta. Sarebbe stato una vera carognata fargli perdere il mondiale per una fesseria del genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.