Ecco le vere Tracce d’Esame 2007

primaprova07-5_1.jpg
Pag. 5/9

Sessione ordinaria 2007

Faceva un caldo che non era scirocco e non era arsura, ma era soltanto caldo. Era come una mano di colore data sul venticello, sui muri gialletti della borgata, sui prati, sui carretti, sugli autobus coi grappoli agli sportelli. Una mano di colore ch’era tutta l’allegria e la miseria delle notti d’estate del presente e del passato. L’aria era tirata e ronzante come la pelle di un tamburo…Tutto un gran accerchiamento intorno a Roma,…ma pure dentro Roma, nel centro della citt, magari sotto il Cupolone: s proprio sotto il Cupolone, che bastava mettere il naso fuori dal colonnato di Piazza San Pietro, verso Porta Cavalleggeri, e ccheli ll, a gridare, a prender d’aceto, a sfottere, in bande e in ghenghe intorno ai cinemetti, alle pizzerie, sparpagliati poco pi in l, in via del Gelsomino, in via della Cava, sugli spiazzi di terra battuta delimitata dai mucchi di rifiuti dove i ragazzini di giorno giocano a palla.
P. P. PASOLINI, Ragazzi di vita, 1955

Dove sono Elmer, Herman, Bert, Tom e Charley,

uno mor in prigione,
l’abulico, l’atletico, il buffone, l’ubriacone, il rissoso?
uno cadde da un ponte lavorando per i suoi cari –
Tutti, tutti, dormono sulla collina.
tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.
Uno trapass in una febbre,

Uno fu arso nella miniera,

Uno fu ucciso in rissa,
E. L. MASTERS, La collina, dall’

Antologia di Spoon River

, trad. F. Pivano, 1943

Marc CHAGALL, Il violinista sul tetto, 1912 Vitebsk, che compare sullo sfondo, il villaggio natale di Chagall, il “luogo dell’anima” a cui il pittore fa riferimento in tutta la sua esperienza di vita, anche nel fortunatissimo periodo parigino. Il violinista sul tetto suggerisce la condizione dell’Ebreo nel mondo, instabile come quella di un musicista che cerca di suonare il suo strumento restando in equilibrio in cima ad una casa.

2.
AMBITO
SOCIO – ECONOMICO

ARGOMENTO: Alle basi della convivenza civile e dell’esercizio del potere: giustizia, diritto, legalit.

DOCUMENTI

…l’uomo solo, tra gli animali, ha la parola:…la parola fatta per esprimere ci che giovevole e ci che nocivo e, di conseguenza, il giusto e l’ingiusto: questo , infatti, proprio dell’uomo rispetto agli altri animali, di avere, egli solo, la percezione del bene e del male, del giusto e dell’ingiusto e degli altri valori: il possesso comune di questi costituisce la famiglia e lo stato…quand’ perfetto, l’uomo la migliore delle creature, cos pure, quando si stacca dalla legge e dalla giustizia, la peggiore di tutte…Ora la giustizia elemento dello stato; infatti il diritto il principio ordinatore della comunit statale e la giustizia determinazione di ci che giusto.
ARISTOTELE, Politica, I, Cap.1,2

Osservate che la parola diritto non contraddittoria alla parola forza, ma la prima piuttosto una modificazione della seconda, cio la modificazione pi utile al maggior numero. E per giustizia io non intendo altro che il vincolo necessario per tenere uniti gl’interessi particolari, che senz’esso si scioglierebbono nell’antico stato d’insociabilit; tutte le pene che oltrepassano la necessit di conservare questo vincolo sono ingiuste di lor natura. Bisogna guardarsi di non attaccare a questa parola giustizia l’idea di qualche cosa di reale, come di una forza fisica, o di un essere esistente; ella una semplice maniera di concepire degli uomini, maniera che influisce infinitamente sulla felicit di ciascuno; nemmeno intendo quell’altra sorta di giustizia che emanata da Dio e che ha i suoi immediati rapporti colle pene e ricompense della vita avvenire.

C. BECCARIA, Dei delitti e delle pene, Cap. II, 1764

3 pensieri su “Ecco le vere Tracce d’Esame 2007”

  1. a..ahe nn vorrei proprio ritornare indietro nel tempo!ihihihihi!ste tracce per sono molto piu facili di quelle che uscirono l’anno scorso…hiihih !oggi seconda prova !IN BOCCA AL LUPO FUTURI DIPLOMATIIIIIIIIIII

I commenti sono chiusi.