Come iniziare la carriera di Blogger e partire con un blog, o almeno ci proviamo. Parte 1

Questo articolo stato pensato nella sua semplicit a chi si avvicina per la prima volta nella sua vita al mondo dei blog e sta pensando di aprirne uno o cerca in qualche modo di migliorare la sua posizione sociale nella blogosfera in modo tale da vedersi attribuita la targhetta di blogger.. un pochino come quella della mia macchina!

Blogger car

Ehehe ti piacerebbe vero? No dai scherzo, non so chi abbia fatto una foto del genere ma devo ammettere che un genio. Bando alle ciance e veniamo al dunque.

Prima di tutto cos un blog?
La sempreverde Wikipedia ce ne fornisce una succulenta descrizione, vi invito quindi a leggerla nel caso vogliate saperne di pi, per non allungare troppo l’articolo quindi salteremo questa parte.

Chi pu diventare blogger?
Tutti, non c’ esclusione davvero, anche chi non ha alcuna capacit potrebbe aprire un blog, ma comunque serve sempre una buona dote di fantasia e almeno una capacit base di scrittura e utilizzo del computer. Importante , inoltre, scegliere un paio di temi da trattare e cercare di mantenere una certa linea editoriale, nessuno ci vieta naturalmente di scrivere tutto ci che vogliamo e nella maniera che di volta in volta preferiamo. La prima carta in gioco principalmente la nostra fantasia e capacit di interagire con il lettore in qualsivoglia stile di comunicazione utilizziamo, ma la fantasia spesso non basta.
Infatti, oltre alla fantasia, bisogna avere comunque una minima conoscenza del tema da trattare.

Come si apre un blog??
Dai questo punto ormai lo conoscono tutti, ci sono miriadi di servizi in giro gratuiti o meno. Poi dipende da come volete impostare il vostro blog. Se avete una notevole esigenza di customizzazione del vostro blog e di tutto ci che gira intorno, come installazione di plugin, moduli accessori e gestione avanzata comunque di tutto lo spazio dove risieder il nostro blog (dominio compreso) consiglio di acquistare un po di hosting a buon prezzo e installare il proprio blog.
Altrimenti per chi non ha questo particolare tipo di esigenza e punta principalmente alla sola scrittura degli articoli per il suo blog pu utilizzare i servizi gratuiti che si trovano in rete (WordPress, Blogger, Splinder …).

Ho aperto il blog cosa faccio per prima?
Prima di tutto non fiondarti subito a curare l’aspetto grafico del tuo blog e ne tantomeno cominciare a girare per la rete in cerca di pubblicit bella e buona per il tuo blog soprattutto se non hai nulla da offrire. Ricordati inoltre che un Blogger si sente molto infastidito quando vai a commentare un suo articolo chiedendo un scambio link, non farlo mai o almeno fallo moderatamente e con educazione e rispetto.
Cerca di cominciare a concretizzare le tue idee, comincia a riempire il tuo blog con dei contenuti.. ovvero degli articoli (chiamati pi comunemente post, posts al plurale in inglese). Come primi post non iniziare subito a pubblicare il meglio che hai in serbo, nei primi giorni di vita del tuo blog non avrai molte visite quindi un peccato sprecare i post migliori che potrebbero avere maggior risalto in un futuro non molto lontano. Quindi a te la scelta del giusto compromesso da scegliere, comunque cerca di riempire quanto prima il tuo blog con contenuti validi per poter far si che questo possa essere presentato finalmente al mondo dei blogger, la blogosfera!

Quanti post posso pubblicare al giorno?
Ma quanti ne vuoi, anche 10-20 al giorno, tanto non ti legger nessuno i primi giorni e tu devi riempire in qualche modo il tuo blog come una commessa riempie una vetrina di un negozio ma attenzione, il numero di post strettamente correlato al tema che tratterai, se il blog di natura aziendale o comunque si immette in un ambiente commerciale normalissimo pubblicare pochissimi articoli di volta in volta, mentre se invece intendi che so pubblicare articoli tecnici e/o recensire determinati servizi, o parlare semplicemente di te scegli tu il numero di post che pubblicherai ogni giorno, correlato naturalmente al tuo tempo a disposizione e alle tue capacit e conoscenze.

Quantit non significa certo qualit!
Eh si ti pareva troppo bello scrivere 100 articoli in una sola settimana per poter diventare un blog interessante, se mi scrivi che Mozilla ha aggiornato FireFox ma chi vuoi che ti legga quando poi (per chi non lo sapesse) FireFox si autoaggiorna da solo…Se il tuo blog si preoccuper di notificare di aggiornamenti software allora preoccupati di software meno conosciuti e che non hanno un sistema di aggiornamento automatico, meglio ancora se recensisci con accuratezza il software di cui parli. Se il tuo blog tratterr contenuti di tipo personali alla stregua di un normalissimo diario l’unico consiglio che posso provare a darti (visto che non mi intendo di tali cose) e che se tu hai una vita piatta nella realt il tuo blog sar piatto allo stesso modo a meno che non ti inventi cose che non hai fatto o che ci scrivi le tue perversioni erotiche..

Argomentare rende un articolo completo ma…
Se sei alla ricerca di un feedback tra i tuoi lettori potrai restare ben presto a bocca asciutta perch nessuno commenter il tuo post, in quanto lo hai scritto talmente cos completo e dettagliato che nessuno riuscir ad aggiungere qualcosa nei tuoi commenti (a meno che non venga il classico scocciatore: “ciao scambiamo link??”) se non un “complimenti bella guida”… Personalmente parlando non mi sono mai piaciuti i commenti di ringraziamento, preferisco piuttosto commenti che in qualche modo contribuiscano all’articolo. Quindi ti consiglio di scrivere dei bei post completi e dettagliati nei primi tempi per poi una volta divenuto un po pi famoso cercare di rendere partecipi i tuoi lettori lasciando a loro deduzioni e/o consigli vari.

Penso di aver riempito il blog in qualche modo… ora?
Ora giunto finalmente per te il tempo di scegliere il vestito per il tuo blog, il template.. La scelta del template una cosa molto ardua per la maggior parte degli utenti semplicemente perch solitamente sceglie prima il tema grafico e poi comincia a riempire il suo blog. Con contenuti gi inseriti avrai quindi una scelta minore, a seconda del tema trattato, della quantit di articoli e lunghezza degli stessi, di template. Dopo aver scelto il template che fa per te poi sar la volta di inserire i colori giusti se ritieni che quelli del template da te scelto non siano proprio dei migliori e inoltre creati un logo che ti rappresenti in qualche modo. Ricordati anche di scegliere un avatar servir per farti riconoscere nella blogosfera.

Fatto anche questo e ora?
E mo basta, ne riparliamo nella seconda puntata dove ti segnaler le principali risorse per farti conoscere nella blogosfera e come cominciare finalmente a fare sul serio πŸ™‚

Stay Tuned!

Tag:

21 Commenti a “Come iniziare la carriera di Blogger e partire con un blog, o almeno ci proviamo. Parte 1”

  1. Flicker ha detto:

    Bell’articolo, concordo in tutto, aggiungerei solo un consiglio: evitare di riempire il proprio blog con montagne di tool, video, e soprattutto con musiche di sottofondo.
    Ottimo il suggerimento di crearsi un avatar: farsi riconoscere visivamente un aspetto molto importante.

    Ciao! πŸ™‚

  2. Redemption ha detto:

    ehi! Il mio blog si basa su video divertenti e cazzate dal web πŸ˜€ cosa stai insinuando πŸ˜› !
    E’ vero, la qualit del mio blog non tra le migliori, per nel mio ad esempio, cerco di alleggerire, e magari di far sorridere, chi passa la propria vita lavorativa in ufficio anvigando per il web negli attimi di pausa…

    Comunque concordo con quello che scrivi traff πŸ˜€ al solito πŸ™‚

  3. Flicker ha detto:

    Redemption, tutto sommato il tuo blog non ha molti video (ed anche veloce a caricarsi), ma pieno di “blog” in cui non si vede nulla oltre ai filmati: in tutte le colonne, nel footer, nel header ed in ogni buco che si trova, senza contare il fatto che partono in automatico. 😐

  4. GiH ha detto:

    vero gente aggiungo anche io la mia testomonianza del fastidio che provo quando vai sui blog e partono musiche / viedo automaticamente.. una volta uno ha messo anche un ad del mulino bianco che suonava la canzoncina..mi sembrava di aver lasciato la tv accesa πŸ˜€

  5. isakson ha detto:

    ciao ottimo post, come sempre πŸ˜‰ hai visto la mia nuova grafica del blog fatta da me?(quasi tutta) Se passi e mi dai un parere te ne sarei grato!

  6. Redemption ha detto:

    @Flicker : I miei video non partono automaticamente…Forse uno lo faceva ma ho corretto tipo il giorno dopo, perch me ne sono accorto… poi cosa intendi per

    ” ma pieno di

  7. Flicker ha detto:

    Redemption, io ho detto che il tuo blog non incluso nella categoria di quelli che hanno i video che partono in automatico, ma che purtroppo ce ne sono molti in cui cos πŸ˜›

    Spero di non creare malintesi πŸ˜€

  8. Redemption ha detto:

    Avevo inteso male :/

  9. annarita ha detto:

    @Flicker, @Redemption: scusate ragazzi se mi intrometto, ma permettetemelo…siamo tra amici, no?

    Flicker, scusa, ma …tu hai scritto proprio ci che ha inteso Redemption. Anch’io ho capito, leggendo, la stessa cosa;).

    Questo non un voler trovare il pelo nell’uvo…mi sono appigliata per dire semplicemente, Raffaelino, che alle ottime indicazioni da te fornite aggiungerei il curare lo stile comunicativo e l’evitare errori ortografici, grammaticali e sintattici, che non sono rari a vedersi su blog anche molto interessanti.

    Non vorrei passare per la “maestrina” di turno, cari, ma se vogliamo essere dei buoni blogger abbiamo il dovere di comunicare correttamente il contenuto dei nostri pensieri o delle nostre rielaborazioni. Non credete?;).

    Nessun appunto ai presenti, eh! Tutti abbiamo da imparare da tutti:).

    Per concludere, Raffaele, mi manca ancora il logooooo! Non ho tempo per realizzarlo:(

    Con simpatia per tutti;)

  10. annarita ha detto:

    “uvo” sta per “uovo”, of course;)

Lascia un Commento