Guida pratica all’uso di Subversion su Windows con TortoiseSVN (How-to)

L’articolo è stato spostato qui: Guida pratica per Subversion su Windows;

Tag: , ,

18 Commenti a “Guida pratica all’uso di Subversion su Windows con TortoiseSVN (How-to)”

  1. […] avrete notato da qualche screenshot del mio pc il mio tema preferito su Windows Xp Crystal Clear, potete scaricare il pacchetto […]

  2. Clive ha detto:

    Utilissimo, grazie mille!!!!

  3. Traffyk ha detto:

    Grazie mille a te per essere passato! 😉

  4. emanuele ha detto:

    usando svn c’ il rischio di occupare moltissimo spazio, come faccio ad eliminare in modo fisico alcuni file o versioni precedenti per liberare spazio??

  5. Traffyk ha detto:

    Ciao Emanuele per quel poco che conosco di svn credo che vengano salvate soltanto le differenze tra file e quindi non i file interi di volta in volta.
    Non sono molto pratico di svn, so a stento fare commits e checkouts ma il primo consiglio che mi viene a mente e che quando sei soddisfatto del tuo versionamento puoi ricominciare il tutto in un nuovo repository eliminando il vecchio 😉

  6. Stefano ha detto:

    Volevo sapere se potevo togliere la cartella trunk che mi viene creata nel mio progetto…su repository ok non mi interessa ma il mio progretto che esisteva vorrei lasciarlo come era prima perche ha dei percorsi che non posso modificare..grazie ciao

  7. Traffyk ha detto:

    Certamente Stefano puoi farlo tranquillamente, devo dire che anch’io spesso ho utilizzato questa soluzione senza utilizzare le 3 cartelle di riferimento. Poi comunque se utilizzi soltanto tu l’svn allora non avrai problemi visto che conoscerai a fondo la struttura dei tuoi file 😉

  8. Francesco ha detto:

    Posso far utilizzare il repository creato da altre persone in una lan del mio ufficio?

    Grazie per la risposta

    Ciao

    Francesco

  9. Traffyk ha detto:

    Certamente Francesco basta installare un server apache con l’apposito modulo oppure su windows io ho utilizzato le cartelle condivise in rete mettendo una cartella in libero accesso e scrittura ma bisogna impostare almeno un minimo di sicurezza e cercare di rendere inaccessibile la cartella se non tramite svn. Subversion inoltre all’interno del suo repository ha dei file per la protezione dove possibile impostare una password e vari livelli di sicurezza, riguardo l’ambito di protezione non so aiutarti visto che utilizzo svn su una rete domestica e non accessibile dall’esterno(in pratica aperto) per per collegarti all’svn via lan ti basta inserire il percorso della risorsa di rete con l’intero path (un po come si fa con le stampanti di rete), oppure ancora dovrebbe funzionare anche mettendo l’ip del pc/server in rete.

Lascia un Commento