hd porschedesktopCome promesso anche se con due giorni di ritardo vengo a parlarvi del mio secondo e ultimo acquisto del momento: un LaCie Hard Drive, Design by F.A. Porsche USB 320GB. Anche questo in offerta, prezzo? 99 Euro! Anzi di meno ancora perch l’IVA la scarico. A lungo ho aspettato per fare questo acquisto, visto che oggi compri un HD da X GigaByte a 150 e domani ti vendono quello da 2 Tera allo stesso prezzo. Siccome i Gigabyte per me non sono un’esigenza perch i miei dati, documenti, lavori e fotografie non raggiungeranno mai tali dimensioni (60-70 giga sono gia troppi) posso ritenermi soddisfatto visto il prezzo, qualit e prestazioni. Parliamo sempre di LACIE, non l’ultima arrivata, una societ leader in questo settore. Il disco un 320 giga, interfaccia Hi-Speed USB 2.0 (USB 1.1 compatibile) e ha una velocit di rotazione a 7200 rpm. Con un HardDisk saprete bene o male tutti cosa si pu fare (boot, partizionamento e formattazione in qualsiasi file system vogliate, unit di backup o di workstation ecc.ecc..) quindi veniamo subito alla dotazione hardware e software:
A corredo dell’hd ci sono il cavo dell’alimentazione, con bobina di protezione da sovraccarichi elettrici, con alimentatore, lungo pi di 2 metri se non 3 addirittura. Invece il cavetto USB, anch’esso con bobina di protezione da sovraccarichi, decisamente molto pi piccolo sui 40-50 cm il che costringe a tenere praticamente sullo stesso piano di lavoro l’hd a meno che non si usi una prolunga.

laciebackupIl cd fornito davvero completo, la cosa pi bella il software LaCie ‘1-Click’ Backup sia in versione Windows che Mac Os. L’ho subito installato e provato, davvero molto completo, basta scegliere la cartella o le cartelle da backuppare e il percorso di destinazione e il programma effettuer i backup senza sovrascrivere quelli precedenti creando una nuova cartella, peccato che non si possano fare backup incrementali ma a questo prezzo forse stiamo esagerando πŸ˜› . Il programma inoltre non fa solo i backup su unit lacie, ma pu essere usato anche senza di quest’ultima visto che non fa nessun controllo πŸ˜‰ .

La rumorosit praticamente assente, non c’ e basta. Basta poggiarlo su un piano solido e magari che non abbia un cassetto sotto a mo di camera d’aria che amplifica il rumore di rotazione del disco. Infatti di notte l’avevo appoggiato sul mio comodino e si sentiva il vrrr rimbombare dal comodino, come soluzione basta usare un fumetto di Topolino su cui appoggiarlo sopra, non ci crederete il rumore sparir totalmente!! ehhehe πŸ˜€

Io l’ho collegato ad un vecchio pc su cui ho installato FileZilla per Windows e lo uso come server FTP locale, almeno fino a quando non imparer ad usare SubVersion su Linux sono ancora troppo negato πŸ˜€ ehhe.

Commenti

27 commenti

PseudoTecnico · 16 agosto 2007 alle 13:33

Parliamo sempre di LACIE, non l

Traffyk · 16 agosto 2007 alle 14:14

Essendo il case interamente in alluminio e non avendo alcun foro di uscita per l’aria nella parte superiore logico che il calore alla lunga comincia a farsi sentire. Tutti i prodotti LACIE che ho avuto, anche la 6 giga usb a forma di carta di credito scalda, ma se scaldano i MacBook (trovatemene uno che non sia un forno e ne riparliamo) e dicono che meglio avere un po di calore in pi che la rumorosit della ventola (solita cazzata del fanatico dei Mac) allora dovrei dire la stessa cosa per i LACIE che non hanno unit raffreddanti attive ma solo case di alluminio per poterne dissipare il calore. Per il disco non sapevo fossero di terzi, per se mi vieni a citare Maxtor, Samsung e Seagate…allora mi fido. Sono possessore di Hard Disk Maxtor e Seagate(samsung mai usati) praticamente fin dal mio primo giorno di avventura con i computer dal 99 e mai rotto un disco o un problema, qui mi faccio una toccatina πŸ˜€

PseudoTecnico · 16 agosto 2007 alle 14:31

Ultimamente non me la sentirei di considerare Maxtor tra i produttori pi affidabili, soprattutto nei tagli grandi (dai 250GB in su).

I Samsung sono arrivati sul mercato solo negli ultimi tempi: pur non avendone mai posseduti, da quanto letto sono abbastanza lenti ma affidabili (e scaldano poco).

P.S. I macbook non sono di alluminio (a differenza dei Pro), le ventole ci sono ma partono molto pi raramente πŸ˜‰

TheKaneB · 16 agosto 2007 alle 15:48

Confermo che i maxtor di grossa taglia mi hanno dato qualche problema, invece nessun problema con un vecchio maxtor da 30 gb…
cmq sia ottimo acquisto, soprattutto per il prezzo pi che dignitoso! ^^

flashmotus · 16 agosto 2007 alle 16:46

auguri per l’acquisto, l’hai comprato in eshop o negozio tradizionale? Ho notato che c’ un’incremento di ecommerce di hardware in giro e confido sempre di pi sul passaparola per la scelta da fare tra i tanti.

Traffyk · 16 agosto 2007 alle 17:35

L’ho comprato per via canonica, non compro pi niente su internet perch trovando quasi sempre cose nuove e aggiornate le paghi un occhio della testa. Comprai all’epoca un’antennina GPS RoyalTek RBTK 2100 quella con doppia batteria 20 canali al prezzo pi basso esistente su Ebay di 140 euro…. dopo qualche mese si trovava sotto gli 80 o meno ancora, idem per le MMC da 512 mega, pagate 45 euro l’una(ne presi 2)… ora te le buttano appresso πŸ˜€ ehehe.

Il centro commerciale PC City ad Afragola nella grossa catena “Alle porte di Napoli” affianco pure all’altrettanto grande Ipercoop li vicino.

Poi io che sono uno che di chilometri ne fa tanti, sia in moto che in macchina, vado spesso a fare giri anche tra centri commerciali di province diverse nello stesso giorno se tardi per andare al mare naturalmente πŸ˜€ eheh Quando hai il prodotto tra le mani e soprattutto il prezzo davanti, fai una scelta pi oculata rispetto a quella di internet(anche se i centri commerciali sono fatti in modo da spingerti a comprare di tutto) dove mi faccio prendere dalla foga “la voglio subito e l’ultimo modello uscito”.

Traffyk · 16 agosto 2007 alle 17:41

Comunque l’ho messo sotto tortura, nel caso di qualche problema (spero di no senn lo faccio correre pi veloce di una Porsche πŸ˜€ ), vi far sapere πŸ˜€
Non ci sono viti sul prodotto, quindi non lo smonto pi che altro anche per non perdere la garanzia altrimenti vi avrei detto anche la marca del disco.

PseudoTecnico · 16 agosto 2007 alle 18:12

Se non ricordo male dovresti comunque riuscire a vedere il modello del disco dalla Gestione periferiche di Windows πŸ˜•

TheKaneB · 16 agosto 2007 alle 18:28

Non sempre windows mostra marca e modello dell’harddisk, alcuni modelli me li dave semplicemente come Type 47 Disk Drive. Con linux dovresti avere qualche informazione in pi con il comando:
hdparm -i /dev/hda
ovviamente al posto di hda devi mettere il nome del file corrispondente al tuo disco. I dispositivi USB normalmente hanno nomi tipo sda, sdb, sdc, ecc…

TheKaneB · 16 agosto 2007 alle 18:29

ad esempio, sul mio portatile ho:

thekaneb@tkb-ubuntu:~$ sudo hdparm -i /dev/sda
Password:

/dev/sda:

Model=SAMSUNG MP0804H , FwRev=YS200-04, SerialNo=S042J10Y870383
Config={ HardSect NotMFM HdSw>15uSec Fixed DTR>10Mbs }
RawCHS=16383/16/63, TrkSize=34902, SectSize=554, ECCbytes=4
BuffType=DualPortCache, BuffSize=8192kB, MaxMultSect=16, MultSect=?16?
CurCHS=16383/16/63, CurSects=16514064, LBA=yes, LBAsects=156368016
IORDY=on/off, tPIO={min:120,w/IORDY:120}, tDMA={min:120,rec:120}
PIO modes: pio0 pio1 pio2 pio3 pio4
DMA modes: mdma0 mdma1 mdma2
UDMA modes: udma0 udma1 udma2 udma3 udma4 *udma5 udma3 udma4 *udma5
AdvancedPM=yes: unknown setting WriteCache=enabled
Drive conforms to: ATA/ATAPI-7 T13 1532D revision 0: ATA/ATAPI-1 ATA/ATAPI-2 ATA/ATAPI-3 ATA/ATAPI-4 ATA/ATAPI-5 ATA/ATAPI-6 ATA/ATAPI-7

* signifies the current active mode

Traffyk · 16 agosto 2007 alle 20:05

Grazie a entrambi per il supporto πŸ˜€ Appena rientro vediamo un pochino ora mi avete messo la pulce nell’orecchio:D

l33t · 16 agosto 2007 alle 23:16

Ciao, bella rece!

Come era formattato?
FAT32 o NTFS?
Quante partizioni?

Traffyk · 17 agosto 2007 alle 01:42

formattato interamente su un’unica partizione fat32, di default quasi tutti gli HD vengono formattati cos.

Comunque ho fatto in windows xp destro sul Lacie, propriet, Hardware e c’era in bella vista il nome dell’unit disco:
Hitachi HDT725032VLAT80 USB. Ho fatto qualche ricerca su Google e guarda caso ho trovato un forum per utenti Mac che si lamentavano nel caso di unit disco Maxtor mentre tutti aspiravano all’Hitachi ecco il link al forum. Io sinceramente non conosco questo marchio, potete darmi qualche delucidazione?? Cmq ho fatto proprio bene a non prendere l’ultimo modello e pagarlo caro πŸ˜›

PseudoTecnico · 17 agosto 2007 alle 07:43

Famiglia Hitachi Deskstar 7k500

Ti consiglio di cercare su questo sito
http://www.storagereview.com/

E’ gigantesco e ci sono una marea di recensioni, prove, ecc. ecc.

Personalmente non ho mai avuto dischi Hitachi, ma da una prima lettura in giro non sembrano male.

Traffyk · 17 agosto 2007 alle 14:14

Grazie mille PseudoTecnico davvero gentilissimo πŸ˜€

PS: scusa se i link vanno in moderazione a meno che non siano spam li approvo tutti appena leggo πŸ˜€

Traffyk · 17 agosto 2007 alle 14:23

Tony scusami il commento 11 era finito in Spam insieme ad altri 2 trackback! Controllo il filtro akismet di rado non pensavo potessi finire in spam, mi sa che akismet non gradisce linux!!! πŸ™

Cmq gli stessi parametri possono essere letti da Windows andando in risorse del computer, sistema, gestione periferiche, doppio click sulla periferica e andare alla seconda o terza scheda dove comparir un menu a tendina con tutte le specifiche come quelle da te postate, peccato che per non sono trasferibili in un file di testo ma bisogna copiarsele con le sante manine (o almeno io non so farlo).

l33t · 17 agosto 2007 alle 17:19

Grazie x le info sul disco!
Guardando attraverso le feritoie sul fondo (o sul fianco), riesci a vedere la piattina ad 80 fili?
Penso di prendere un Lacie, e sono curioso di sapere se usa un SATA o un PATA (nel caso un giorno decida di smontarlo).

PseudoTecnico · 17 agosto 2007 alle 17:30

Il codice dice chiaramente che si tratta di un PATA, senza contare che di dischi esterni SATA ce ne sono ben pochi (e di solito hanno un attacco eSata per dare un senso alla maggiore velocit e al maggior costo).

Ad esempio ho un case esterno della Maxtor per dischi SATA che al tempo mi costato tanto come un hard-disk (con attacchi usb, fw e eSata).

Traffyk · 17 agosto 2007 alle 18:20

Grazie Pseudo per aver risposto a l33t, io di quei tipi di collegamenti non ne capisco ancora molto so giusto giusto le differenze ma non saprei riconoscerli ad occhio πŸ˜€

Comunque oggi l’ho davvero massacrato il disco, sta funzionando da repository SVN per oltre 80giga di materiale e sto effettuando un sacco di sovrascritture. In effetti il calore non tardato nell’arrivare ma siccome in casa mia un paio di ventoline avanzano sempre ne ho appoggiata una sul case del disco per stare tranquillo collegata stesso al portatilem via USB (sul quale ho 4 ventole sotto pi quella interna) naturalmente uso un alimentatore supplementare per il tutto.
Sto in trasferimento continuo dalle 14 di oggi pomeriggio ora sono le 18:30 e sta funzionando molto bene. Il software Lacie One Click Backup davvero molto utile, sebbene supporti solamente backup di tipo completo.

l33t · 18 agosto 2007 alle 15:51

Dicevi che il case e’ in alluminio. Sicuro che non sia di plastica verniciata color argento?
Vedo che in molti lamentano l’uso della plastica, che senza fessure sopra diventa un vero e proprio guscio termico.

Traffyk · 18 agosto 2007 alle 17:01

Si alluminio sottile, si sente soprattutto negli angoli dove si vede che molto duro inoltre si vede che teme i graffi rispetto alla plastica. Comunque non ho capito il motivo di mettere delle feritoie in basso piuttosto che nella parte alta, vero che cos non entra polvere per il calore tende a salire in alto e non in basso. Come ho scritto io ci ho messo una ventolina sopra perch dopo 4 ore si era fatto abbastanza caldo.

TheKaneB · 18 agosto 2007 alle 17:38

Ciao ragazzi, sono stato qualche giorno lontano dal computer… πŸ˜›

raff: mi sembra molto improbabile che un intero disco da 320 gb sia stato formattato interamente in fat32, perch il limite massimo teorico di una partizione in fat32 di 32gb! forse era in NTFS?

Per quanto riguarda il calore una vera seccatura dover tenere delle ventole, ma praticamente sono gli stessi dischi da 3,5” che montiamo nei desktop, quindi normale che scaldino tanto (per sono anche molto veloci, capienti ed economici! quindi alla fine si pu chiudere benissimo un occhio)

PseudoTecnico · 18 agosto 2007 alle 17:52

Sar rapido perch sono di fretta πŸ˜‰
1) FAT32 supporto dischi fino a 2TB e singoli file fino a 4GB
2) se non ricordo male il limite di 32GB esiste SOLO in fase di installazione di XP, non dopo
3) non vendono MAI dischi fissi formattati NTFS, sempre FAT32 (o HFS in caso di dispositivi appositamente progettati per Mac)

l33t · 18 agosto 2007 alle 20:26

Forse allora si sono accorti che la plastica non andave bene πŸ™‚
In effetti i box che ho visto io erano un po diversi da quello in foto (feritoie anche su un fianco).
Ha un interuttore (su-giu) oppure un pulsante?

Traffyk · 19 agosto 2007 alle 01:14

Antonio vedi su Wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/File_Allocation_Table#FAT32 anche se il buon PseudoTecnico con 2 righe ha spiegato proprio tutto, a fine mese mi toccher pagargli uno stipendio πŸ˜€ ehehe grazie mille per tutto.

L’Hd che ho io ha il pulsantino on off di plastica nero su giu e non quello che si spinge dentro come visto in foto del prodotto (e qui ci sono rimasto deluso a dir la verit), le feritoie poi sono solo sotto al prodotto nessuna apertura nei lati e sopra neppure un minuscolo buchino oltre a quello del led. Comunque le temperature non dovrebbero superare i 30-40 gradi che solitamente tengono i nostri hard disk all’interno del case senza raffreddamento attivo, o perlomeno le mie temperature sono quelle.

TheKaneB · 19 agosto 2007 alle 15:10

da wikipedia
“Le utilities di formattazione e partizionamento di Windows 2000 e XP hanno un limite di 32 GB per le partizioni FAT32, ma un limite arbitrario”
Adesso ho imparato una cosa nuova πŸ˜€ grazie ragazzi πŸ˜‰

Blog Action Day: secondo me fatto dai blogger non ha senso » Traffyk - I’m driving crazy, Blog · 20 ottobre 2007 alle 00:53

[…] un Nokia 6630 da 3 anni circa ancora nuovo e pagato poco, non possiedo oggettini hi tech a parte un hard disk da 300 giga preso proprio per necessit di dover mettere da qualche parte al sicuro i miei lavori, non per […]

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: