Bill Gates si laurea ad Harvard

Ci sono voluti decenni di successi e milioni di dollari in borse di studio per convincere il prestigioso istituto americano a riconoscere i meriti del suo ex alunno pi celebre.

Zio BillHarvard – Bill Gates ce l’ha finalmente fatta: il prestigio del businessman pi ricco del Mondo, fondatore di una delle pi importanti multinazionali e promotore della pi ricca foundation benefica della storia ha spinto il collegio degli Harvard Alumni a riconoscere a William H. Gates III una laurea honoris causa.

Nominato Knight Commander nel Regno Unito dalla Regina Elisabetta II, riconosciuto da TIME nel 2005 come uomo dell’anno (assieme alla moglie Melinda e a Bono degli U2), a Gates i maggiori onori li ha fin qui tributati il mercato, sul quale si imposto con i prodotti Microsoft e con un capitale finanziario che secondo Forbes oggi supera i 56 miliardi di dollari, met del quale composto da titoli dell’azienda del software.

Le malelingue non mancano mai in questi casi e qualcuno collega la scelta dell’importante istituto accademico statunitense agli imponenti investimenti con cui la Gates Foundation ha da lunghi anni promosso le attivit degli studenti pi brillanti. I forti investimenti dell’azienda in quell’istituto emergono anche dai nomi di certi edifici del campus. Come il Maxwell Dworkin Building, dove “Maxwell” il cognome della madre Mary e “Dworkin” quello della madre di Steve Ballmer, CEO di Microsoft e anch’egli “ex Harvard”.

A sottolineare l’annuncio della laurea il fatto che lo stesso Gates, come riporta una nota dell’Universit, sar l’oratore principale durante la cerimonia del Commencement il prossimo 7 giugno. “Sono molto felice che la comunit di Harvard abbia l’opportunit di ascoltare Bill Gates – ha dichiarato Paul Finnegan, presidente della Harvard Alumni Association – Il suo contributo al mondo del business e della tecnologia, e il grande esempio che propone con la sua filantropia su vasta scala, lo pone giustamente al centro della ribalta qui ad Harvard”.

Punto Informatico

Tag: ,

Lascia un Commento